Caricamento...
Blog2019-02-27T10:29:37+00:00

Naufraghi in un isola di plastica

by |12 Gennaio, 2019|

Leggendo tutta la violenza che viene riversata in rete, capisco che il suffragio universale è sopravalutato. Odiatori di professione, che imprecano contro chiunque. Ci sono quelli che detestano chi ha votato questo governo, e quelli che detestano il governo precedente, quelli che odiano Salvini, e quelli che odiano Renzi, o quelli che li odiano entrambi. Ci sono i Fascisti e gli antifascisti. Ci sono i razzisti, e i buonisti, [...]

La volgarità è una parola!

by |13 Dicembre, 2018|

La volgarità, la volgare età, l’età del volgo, del popolo, dire che parli in modo volgare, significa che parli il linguaggio del popolo. La parola fa sempre paura, parole di accusa, di sdegno, di protesta, di cazzo figa scopare chiavare, parole. Ma oggi più che mai pare che la volgarità sia solo rapportata ad un linguaggio che parla di sesso. La poesia ha cominciato ad essere detestata dai moralisti [...]

Il bimbo rannichiato dentro a me..

by |5 Dicembre, 2018|

Ogni tanto, nella magia di notti insonni, per creare osservo il bimbo rannicchiato dentro a me, mi sforzo di lasciarlo libero di agire, con la sua semplicità, un bambino nascosto nel mio cuore al primo segnale di sofferenza, dalla prima lacrima, ogni dolore ha contribuito a costruire la corazza nella quale se ne sta rinchiuso in attesa… Poi io che so della grandezza di un cuore\anima, chiudo gli occhi [...]

Schizzi di vita…

by |3 Dicembre, 2018|

Vagavo per Milano, con Mario Vitadamo, lui imitava Celentano, nelle osterie per guadagnare un pasto dal pugliese, in piazza Santo Stefano, i famosi fusilli alle cime di rapa. Era il 1977, a Bologna non avevo troppi amici, soprattutto nella celere, mi avevano già tamburato per bene. Suonavo l’armonica, per poche lire in strada, a volte il sole riusciva a perforare nuvole grigie, come le facce della gente che pascolava [...]

Evoluzione?

by |23 Novembre, 2018|

 A volte capire chi siamo fa bene, anche da dove veniamo, ci rende consapevoli del perché siamo quello che siamo. Mi pare così facile pensare all’utopica idea di un mondo illuminato, mi viene spontaneo, provare pena per chiunque soffre. Ripenso a mia madre, quando mi diceva: “ Se solo per un istante ogni essere sorridesse, la gioia si propagherebbe come un virus inarrestabile. E dove c’è gioia, non può [...]

Carica altri articoli